Industria: aumento e arretrati, da questo mese buste paga più pesanti

Da questo mese i dipendenti degli associati Anis avranno un aumento del 3% in busta paga che godrà anche degli arretrati, a partire da gennaio 2022. Frutto dell’accordo, che interesserà 6500 lavoratori del settore, tra gli industriali e le tre sigle sindacali del 21 aprile scorso. Previsto inoltre un ulteriore aumento del 2,4% per il prossimo anno. Un accordo salutato da una parte – quella dei contraenti – come buon “compromesso” per garantire il potere d’acquisto, dall’altra – quella di Unas – come “insostenibile per la gran parte delle imprese sammarinesi”, ricordando come gli associati degli artigiani, che applicano il contratto industria, non siano obbligati a corrispondere l’aumento. Con una lettera all’ordine dei Commercialisti, la federazione Industria delle tre sigle sindacali aveva chiesto di applicare fin da subito l’accordo, e poi gli aumenti, nella prima busta paga utile, in modo che le aziende non debbano sobbarcarsi gli arretrati in un’unica soluzione, dopo il raggiungimento dell’erga omnes.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Mettiti in Contatto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Post