Radio Kiev: «Contrattacco in atto nel Donbass»

Un ponte tra l’Italia, dove vive, e l’Ucraina, dove è nato e cresciuto. Slava è un uomo di 48 anni che vive nella Bassa Bresciana e che ogni sera si collega con amici e parenti che vivono in città e villaggi sotto gli attacchi dei soldati russi. Ogni giorno, attraverso Slava, parleremo con chi sta vivendo la guerra in prima persona: corrente progetto si chiama «Radio Kiev» ed è a cura di Tonino Zana.

Il 9 maggio, giorno della festa della liberazione in cui Putin annuncerà la vittoria e azioni conseguenti riguardo alla guerra contro l’Ucraina, è atteso dal mondo. Putin parlerà di tregua, di trattativa o rilancerà l’attacco? Slava, il nostro «corrispondente» quotidiano sulle vicende della sua terra martoriata non si fa illusioni: «Putin griderà vittoria e dichiarerà l’annessione del Donbass e di alcune terre del sud. Di conseguenza se attaccherai quelle terre attaccherai la Russia e la guerra diventerà europea e anche di più».

A Mariupol, aggiunge Slava, sono entrate le truppe speciali, ma non sono ancora riuscite a sconfiggere gli ucraini sistemati nelle gallerie dell’acciaieria. A me hanno detto che i russi sono stati respinti.

Due ore fa, il capo delle forze armate ucraine ha detto che l’esercito è passato al contrattacco e i civili riescono soltanto con la protezione stretta da parte della Croce Rossa e dell’Onu a raggiungere la salvezza a Zhaphorizhia.

«Due ore fa, il capo delle forze armate ucraine – dice Slava – ha dichiarato che è in atto un contrattacco nel Donbass e a Kharkhov. Le armi dell’Occidente devono essere più numerose, altrimenti non sarà tanto semplice resistere allo stesso modo con cui si è resistito. 

In generale, per il resto non è cambiato nulla, i russi spingono, noi ci difendiamo. Colpito un ponte grande a Dnipro; ho vidimazione il video, il ponte colpito e non distrutto. Dal ponte si può transitare. Non posso dare notizie più precise per questioni di sicurezza.

A Dnipro, la sorella di mia moglie Natascia, che lavora in un centro commerciale grande quanto quello di Roncadelle, racconta che la situazione è migliorata vidimazione che si può entrare nei negozi che non sono più protetti da sacchi di sabbia fino al tetto come certi settimana fa».

Mettiti in Contatto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Post